Se il mondo cambia, bisogna essere capaci di fare lo stesso. Ma come? Allenandosi al cambiamento. Uscendo dalle abitudini quotidiane, vere e proprie gabbie, anche del pensiero. Saper spaziare con la mente, alla ricerca di nuovi punti di vista, nuove soluzioni, dipende anche da come alleniamo il nostro cervello. Preoccupate? Se questo allenamento lo facciamo somigliare ad una vacanza, sarà tutto più facile 

Quando si segue un percorso lineare si va incontro alla fin troppo nota iper-specializzazione, che oggi, con un mondo in continua trasformazione, lascia intravedere i suoi punti deboli. Non che non sia una cosa positiva essere super esperti di un argomento. Solo che oggi, dove non abbiamo molte certezze e dove la vita è diventata liquida (così come il lavoro, l’amore, etc.) è solo meno utile di un tempo.

Serve la “contaminazione” (non solo sul lavoro)

Abituati alla famosa citazione, Vince chi è capace di adattarsi al cambiamento“, va sottolineata anche un’altra dote che bisogna allenare per stare bene al mondo, quella della contaminazione. Ma cos’è la contaminazione? La capacità di spaziare fra discipline e saperi diversi, facendoli appunto contaminare, intrecciando saperi di ambiti diversi.

Si tratta di una qualità non solo sempre più ricercata nel mondo del lavoro, ma adatta ad essere spesa in un qualsiasi ambito della vita.

Una volta dicevamo “Ha molti interessi”…

Una volta si usavano espressioni come “Ha molti interessi”, oppure “È poliedrica!”. Ancora oggi si tratta di aspetti pregevoli, soprattutto se si è in cerca di un lavoro e/o si sta cercando di cambiarlo.

Chi sa attingere a discipline e culture diverse arricchisce le proprie capacità e quelle dell’azienda per cui lavora. In generale una persona con molti interessi aiuta meglio il gruppo di lavoro, fornisce una marcia in più, anche per trovare una possibile soluzione durante una sessione di problem solving.

Come ci si contamina?

Un modo per allenare altri punti di vista e lasciarsi contaminare da altre menti, è quello di farsi delle domande. Domandarsi che cosa avrebbe fatto una nostra amica che stimiamo molto, oppure un personaggio famoso. Ma ci si contamina ogni volta che si decide di fare qualcosa in modo nuovo.

Pensateci per un istante: a voi quando è successo l’ultima volta? Io durante il lockdown ad esempio ho imparato a giocare a scacchi con un maestro di eccezione, mio figlio! Sempre durante il lockdown ho trovato una grande fonte di stimoli in alcuni corsi che ho fatto online, anche su temi molto distanti da me.

E tu? Cosa hai in mente di imparare prossimamente? Hai già fatto la lista delle cose nuove che vuoi imparare nel 2021?

 

Fonte notizia Donna Moderna

 

Per un approfondimento sulla citazione di DarwinTutto quello che in realtà Darwin non ha mai detto

Katia

 

 

THM – Pensare (e fare) in modo nuovo
Se il mondo cambia, bisogna essere capaci di fare lo stesso. Ma come? Allenandosi al cambiamento. Uscendo dalle abitudini quotidiane, vere e proprie gabbie, anche del pensiero. Saper spaziare con la mente, alla ricerca di nuovi punti di vista, nuove soluzioni, dipende anche da come alleniamo il nostro cervello. Preoccupate? Se questo allenamento lo facciamo somigliare ad una vacanza, sarà tutto più facile

Tempo di lettura: 1′

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio 2021