Benché servano entrambi per mantenersi in forma, attività fisica e sport hanno un significato diverso. E si distinguono anche dall’esercizio fisico.

Sebbene spesso siano considerati sinonimi, per riferirsi in generale ad una vita attiva, c’è differenza tra attività fisica e sport. Ci sono differenze anche tra sport ed esercizio fisico. Secondo le linee guida emanate dal Ministero della salute, mentre il connotato principale dello sport è quello ludico, sociale, aggregativo, lo scopo dell’esercizio fisico è decisamente “preventivo, di mantenimento e curativo”.

L’attività fisica

L’attività fisica comprende quel complesso di movimenti del corpo spontanei o volontari che l’uomo compie quotidianamente. Ogni tipo di movimento che determini un dispendio energetico rispetto alla condizione di riposo è considerato attività fisica. Camminare, salire le scale, passeggiare con il cane, ma anche svolgere attività di routine come le faccende domestiche, la spesa, il lavoro, rappresentano attività fisica.

Ad ogni età, una regolare attività fisica, anche moderata, contribuisce a migliorare la qualità della vita.

Influisce, infatti, positivamente sia sullo stato di salute, riducendo il tessuto adiposo in eccesso e aiutando a prevenire le malattie metaboliche, cardiovascolari, neoplastiche e le artrosi, sia sul benessere psichico. L’OMS raccomanda agli adulti, anziani compresi, di praticare almeno 150 minuti alla settimana di attività fisica moderata

L’esercizio fisico

L’esercizio fisico è una forma particolare di attività fisica che comprende movimenti ripetitivi, programmati e strutturati e finalizzati in maniera specifica al miglioramento della forma fisica e della salute. Sollevare i pesi, fare un certo numero di vasche in piscina, praticare cardio- fitness, sono tutte forme di esercizio fisico.

L’esercizio fisico deve essere programmato e svolto regolarmente con l’obiettivo di far lavorare in modo armonico tutti i gruppi muscolari. Ciò nel rispetto delle articolazioni, che non devono subire sovraccarichi. Bisogna, inoltre, prestare attenzione alla postura e alla respirazione, che deve essere controllata e coordinata con il movimento. Il programma di allenamento deve essere personalizzato, definito sulla base delle caratteristiche soggettive, quali età, peso, tonicità muscolare ed eventuali patologie presenti.

I benefici dell’esercizio fisico sono molteplici:

  • Miglioramento della postura e dell’equilibrio.
  • Potenziamento della forza e del tono muscolare.
  • Miglioramento delle abilità motorie e della percezione del proprio corpo nello spazio.
  • Incremento della mobilità e flessibilità articolare.
  • Miglioramento della funzione cardiaca e respiratoria.

Lo sport

Lo sport è un’attività fisica che comporta situazioni competitive strutturate e sottoposte a regole. Lo sport rappresenta una preziosa occasione di sfogo, divertimento e di socializzazione.

Differenza tra attività fisica e sport, cosa scegliere?

Per le persone inattive da molti anni e per i soggetti sedentari, l’attività fisica è la più indicata. Il passaggio dall’immobilità a modesti livelli di attività, porta immediatamente benefici per la salute.

Volendo poi continuare ad ottenere miglioramenti sullo stato di salute e su alcuni parametri specifici, come la flessibilità, la forza e la resistenza cardio vascolare, è necessario passare dall’attività fisica all’esercizio fisico.

Se poi vogliamo passare a praticare un qualsiasi sport, un regolare esercizio fisico è l’unico modo per garantire al nostro corpo l’allenamento indispensabile per affrontare in modo corretto e sicuro qualunque disciplina.

Se affrontato senza opportuna preparazione fisica, lo sport può diventare pericoloso

È il caso ad esempio di quelle  attività sportive praticate in maniera sporadica e soprattutto senza opportuna preparazione fisica (tipico esempio, la partita di calcetto settimanale). È importante invece preparare il fisico e garantire un adeguato livello di allenamento di base attraverso l’esercizio fisico di rafforzamento, mirato a potenziare muscoli e articolazioni.

Differenza tra attività fisica e sport, quale sport è migliore per te?

Non tutte le attività sportive sono adatte e portano benefici a tutti. Molti sport sono asimmetrici e non consentono di far lavorare in modo sinergico e armonico tutti i gruppi muscolari. In caso, poi, di patologie, ad esempio ortopediche o cardiache, ci sono controindicazioni ad alcune attività sportive.

Facciamo l’esempio del nuoto. Il nuoto si adatta bene alle esigenze della primissima infanzia e della terza età, nonché nel recupero funzionale post traumatico sportivo, come ad esempio a seguito della lesione del legamento crociato. Il nuoto però, essendo uno sport “asimmetrico ripetuto simmetricamente”, specie nello stile libero e nel dorso, non è adatto ai bambini in età scolare e agli adolescenti che hanno forme di scoliosi e dorso curvo, perché potrebbe aggravare queste patologie.

Per scegliere l’attività sportiva più indicata per sé, al di là delle preferenze personali, è opportuno rivolgersi al proprio medico o ad uno specialista di medicina dello sport.

 

Elisabetta

 

(Credits immagine: https://www.rd.com/health/fitness/exercise-every-day.jpg)