C’era mia nonna che era convinta che il dolore viaggiasse all’interno del corpo: il mal di pancia della sera prima, la mattina dopo si era trasformato nel mal di schiena. Per un po’, da piccolina, a questo dolore che se ne andava in giro per il corpo io ci ho creduto. E non ero la sola… Oggi, che di tempo ne è passato, potrebbero venirci altri tipi dubbi, soprattutto per i dolori legati alla colonna vertebrale, come quello che può far pensare in un caso al mal di schiena e nell’altro al mal d’anca. Ecco come distinguerli!

Impariamo a distinguere i due disturbi, cercando di capire meglio i sintomi, la regione di partenza del dolore e a quale tipo di fastidio portano. Ma anche quali esami fare per averne la certezza.

Mal di schiena o mal d’anca – Quali sono i sintomi del disturbo all’anca?

Un disturbo dell’anca può manifestarsi tipicamente con un dolore anteriore che parte dall’inguine e si irradia per tutta la gamba fino al ginocchio, posteriore al gluteo oppure laterale sul gran trocantere.

Il dolore cambia rispetto alla giornata: è più intenso la mattina quando ci si alza dal letto, oppure dopo un periodo di riposo (ad es. dopo una pausa in poltrona a leggere un libro).

Più avanti nel corso della giornata, camminiamo, svolgendo le semplici attività, può migliorare.

Un sintomo chiaro del disturbo all’anca è dato dal fatto che al dolore in genere si associa anche una riduzione della capacità di movimento a livello dell’articolazione dell’anca.

Se invece il problema è alla schiena, il dolore è localizzato più in alto, a livello della colonna lombare e può irradiarsi alla vita o per tutta la gamba, superando il ginocchio e arrivando talvolta fino al piede.

Chi ne soffre, soprattutto se si tratta di una persona anziana, può soffrire di claudicatio intermittens (dal latino claudicatio, «zoppicare» e intermittens, «in maniera discontinua nel tempo»), per cui fatica a camminare in maniera fluida e continuativa e si vede costretto a fermarsi dopo brevissimi tratti, riposarsi e poi ripartire.

Mal di schiena o mal d’anca – Come essere certi della diagnosi?

Ci si può sottoporre ad una specialistica, questa potrebbe prevedere anche degli esami diagnostici, come la radiografia del bacino e della colonna vertebrale ed eventualmente una risonanza magnetica.

Questo è possibile perché al contrario del dolore, che non viaggia, la diagnostica medica invece sì. Per nostra fortuna!

 

Fonte: Humanitas

 

Cinzia

 

 

Take Home Message – Mal di schiena o mal d’anca
C’era mia nonna che era convinta che il dolore viaggiasse all’interno del corpo: il mal di pancia della sera prima, la mattina dopo si era trasformato nel mal di schiena. Per un po’, da piccolina, a questo dolore che se ne andava in giro per il corpo io ci ho creduto. E non ero la sola… Oggi, che di tempo ne è passato, potrebbero venirci altri tipi dubbi, soprattutto per i dolori legati alla colonna vertebrale, come quello che può far pensare in un caso al mal di schiena e nell’altro al mal d’anca. Come distinguerli?

Tempo di lettura: 1′

Ultimo aggiornamento: 2 dicembre 2020