Quando parliamo di incontinenza urinaria, non si può più parlare di “un piccolo disturbo della terza età”, soprattutto dopo aver visto i numeri: solo in italiana sono 2 milioni le donne che ne soffrono. Trend preoccupante…
Al problema è stata dedicata una intera Giornata, che cade ogni anno il 28 giugno: la Giornata Nazionale per la prevenzione e la cura dell’incontinenza. Ma anche gli altri giorni vanno bene, soprattutto per  la prevenzione

Numeri da epidemia!

Se il problema ha raggiunto questi numeri (2 milioni di donne, solo in Italia) la ragione va ricercata anche in una mancata cultura del pavimento pelvico e quindi della prevenzione.

Una dimenticanza che ci ha portato, nel corso degli ultimi decenni, ad ignorare la fascia muscolare del pavimento pelvico, che dobbiamo immaginare come una vera e propria amaca, composta da una fascia di muscoli che si trova nel nostro bacino. Svolge tutti compiti di vitale importanza, durante tutto l’arco della nostra vita. È importante per la sessualità, per la gravidanza (è il cuscino del nascituro), durante il parto (ne è la porta). In poche parole è il muscolo che sostiene tutti gli organi del nostro apparato urogenitale. Merita, quindi, tutta la nostra attenzione. Ma come fare per dire Stop all’incontinenza!?

Consigli anti incontinenza urinaria

È importante insistere per aumentare la consapevolezza di questa delicata e importante fascia muscolare, affinché si inizi a prenderla in considerazione come parte del corpo a cui dedicare un po’ del proprio tempo quotidiano. Allo stesso modo in cui ci prendiamo cura della pelle del viso e del corpo, mani e piedi, capelli, etc.).

Ecco allora qui di seguito un decalogo per iniziare con il piede giusto.

  • Ginnastica perineale
    Preventiva e curativa, consiste in una serie di esercizi ginnici, deputati al rinforzo dei muscoli pelvici, abituatevi a praticarla a casa almeno due volte al giorno.
  • Il ginnastica perinealetraining muscolare per il pavimento pelvicoginnastica perinealetraining muscolare per il pavimento pelvico(PFMT)
    Ovvero un “sistematico all’allenamento con ripetute contrazioni volontarie dei muscoli del pavimento pelvico e dello sfintere anale esterno, allo scopo di aumentarne la forza muscolare, la velocità, la resistenza e/o la coordinazione.
  • Bere con intelligenza
    Smettere almeno un’ora prima di andare a letto.
  • Combattere la stitichezza
    E optare per una dieta ricca di fibre.
  • Alimenti
    Sperimentare su se stessi l’effetto dei diversi alimenti e bevande. Non ci sono regole che valgano per tutti.
  • Curare le infezioni respiratorie
    Gli starnuti e la tosse non aiutano…
  • Attività fisica
    Sì a passeggiate, bicicletta e nuoto. Assicurarsi di svolgere nel modo corretto l’allenamento degli addominali (che interessano anche il pavimento pelvico).
  • Evitate gli sforzi eccessivi
    Se la spesa pesa, approfitta del servizio della consegna a domicilio, in alternativa c’è sempre il carrello con le rotelle!
  • Evitare il fumo
    Una regola sempre valida!
  • Controllare il peso
    Un eccesso di peso corporeo indebolisce il pavimento pelvico e crea una maggior pressione sulla vescica.

(Fonte: Libro bianco sull’ incontinenza urinaria)

Elisabetta