Esistono Soluzioni per l’Atrofia Vaginale?

Quali sono le soluzioni oggi per l’atrofia vaginale? Vediamole insieme!

Un problema sentito da molte donne in menopausa quello dell’atrofia vaginale. Gli ormoni non ci sono più e qualche problema – non solo le odiate vampate – potrebbe entrare a far parte del nostro nuovo quotidiano. Ma le soluzioni ci sono ed è bene imparare a conoscerle per tempo.

Le italiane e la menopausa

In Italia le donne in menopausa sono circa 10 milioni. Un piccolo esercito di guerriere, accomunato oltre che dall’età, in media 50 anni, anche da una serie di “fastidi”:

  • Aumento di peso
  • Vampate e sudorazioni
  • Facile affaticamento
  • Disturbi del sonno
  • Depressione
  • Etc

 

Ma non solo…

Venuta meno la protezione degli estrogeni, gli ormoni femminili, in questa fase la donna è più esposta a rischi di complicanze e malattie associate, rispetto all’età fertile. Tra tutti i rischi forse i più sottovalutati sono quelli cardiovascolari: non è ancora così risaputo il fatto che gli ormoni svolgono una protezione in tal senso: dopo i famosi 50 il rischio di una malattia cardiovascolare nelle donne aumenta rispetto a quella degli uomini.

E poi c’è il problema dell’atrofia vulvo vaginale

Conosciuto anche per quel dolore che inizia ad insidiarsi nei rapporti intimi. È dovuto perlopiù alla mancanza di lubrificazione e alla conseguente poca elasticità. Problemi che iniziano con il calo degli ormoni, accompagnati da un vero e proprio assottigliamento delle pareti vaginali. A questo si aggiungono anche, come se non bastasse, fastidiosi pruriti, lesioni e sovrapposizioni di germi, escoriazioni, infiammazioni, disturbi urinari, etc.

Diventa urgente allora, per la qualità della vita, non solo quella intima, una soluzione!

Soluzioni per atrofia vaginale – DHEA – Una soluzione possibile

Il prasterone (DHEA), conosciuto anche con il nome di “Ormone della giovinezza“, proprio perché ringiovanisce le zone intime della donna, è una valida soluzione. In pratica “corregge” i sintomi e i segni dell’atrofia vulvo-vaginale sostituendo gli estrogeni che sono prodotti normalmente dalle ovaie delle donne prima dell’ingresso in menopausa.

Ma che cosa è il prasterone (DHEA) e come agisce?

Il prasterone è l’equivalente sintetico del deidroepiandrosterone (DHEA), un ormone precursore degli estrogeni ed è biochimicamente e biologicamente identico al DHEA umano.

Il prasterone (DHEA) corregge i sintomi e i segni dell’atrofia vulvo-vaginale sostituendo gli estrogeni che sono prodotti normalmente dalle ovaie delle donne prima della menopausa. Viene inserito in vagina, in modo tale che l’ormone sia rilasciato dove è necessario. Ciò può alleviare il fastidio vaginale

(fonte: Agenzia del farmaco – AIFA)

 

Il DHEA ha dimostrato una notevole efficacia anche su lubrificazione, eccitazione e raggiungimento orgasmo.

 

 

Cristina

 

Credits immagine

 

 

Take Home Message – Quali soluzioni per l’Atrofia vaginale
Un problema sentito da molte donne in menopausa quello dell’atrofia vaginale. Gli ormoni non ci sono più e qualche problema – non solo le odiate vampate – potrebbe entrare a far parte del nostro nuovo quotidiano. Ma le soluzioni ci sono ed è bene imparare a conoscerle per tempo.

Tempo di lettura: 1′

Ultimo aggiornamento: 2 agosto 2021