Salute dopo i 60 anni – Ecco 7 malattie a cui noi donne dobbiamo fare attenzione

Le over 60 di oggi sono piene di energia, attive e dinamiche. Tuttavia, bisogna ricordare che superati i 60 anni, dopo aver contratto una malattia, il nostro organismo ha più difficoltà a recuperare un buono stato di salute. In questa fase della vita occorre, quindi, occuparsi più che mai della propria salute e prestare attenzione a qualsiasi sintomo.

Quali sono dunque le malattie più diffuse che possono compromettere la nostra salute dopo i 60 anni?

Sono, in particolare, 7: osteoporosi; aterosclerosi e malattie cardiache; diabete; tumori; malattie respiratorie; morbo di Parkinson; morbo di Alzheimer.

Salute dopo i 60 anni, l’osteoporosi.

È processo di indebolimento dell’osso, che diventa più fragile. Il rischio di fratture è elevato, in particolare a femore, vertebre e polso. Questa patologia colpisce il 33% delle donne tra i 60 e i 70 anni e il 66% di quelle sopra gli 80. È, in genere priva di sintomi, tanto che è spesso una frattura a svelare la presenza della malattia. La diagnosi viene fatta con una radiografia chiamata MOC (Mineralometria Ossea Computerizzata).

Salute dopo i 60 anni, l’aterosclerosi e le malattie cardiache.

È una patologia caratterizzata da un ispessimento e perdita di elasticità delle arterie, che si induriscono. L’aterosclerosi può determinare problemi gravi, come l’infarto cardiaco, causato dall’occlusione di un’arteria coronaria di grosso, medio o piccolo calibro. La menopausa, con una carenza di estrogeni, è uno dei fattori di rischio di aterosclerosi. Specie se associata ad altri fattori, come: fumo, obesità, ipertensione, diabete, ipercolesterolemia. .

Salute dopo i 60 anni, il diabete di tipo 2.

Il diabete di tipo 2 è una condizione caratterizzata da un rilascio inadeguato di insulina, un ormone secreto dal pancreas, indispensabile per il metabolismo degli zuccheri. In mancanza della giusta quantità di insulina si ha un aumento della concentrazione di glucosio nel sangue. Tra i fattori di rischio ci sono: l’avanzare dell’età, un’alimentazione scorretta, il sovrappeso, la mancanza di esercizio fisico e la familiarità con la malattia.

Salute dopo i 60 anni, i tumori.

Circa il 60% dei tumori viene diagnosticato sopra i 65 anni e il 70% della mortalità da cancro riguarda questa specifica fascia di età. Tra le donne il tumore più frequente è il tumore al seno, seguito da quello al colon-retto e da quello al polmone.

Salute dopo i 60 anni, le malattie respiratorie.

La diminuzione dei sistemi di difesa dell’organismo con l’avanzare dell’età fa aumentare l’incidenza delle malattie respiratorie tra le over 60. ​Bronchite, enfisema e asma, sono le difficoltà respiratorie croniche di cui soffre più del 20% della popolazione over 65. Tra i fattori che favoriscono l’insorgenza delle patologie dell’apparato respiratorio vi sono in particolare il fumo e l’inquinamento atmosferico.

Salute dopo i 60 anni, il morbo di Parkinson.

Si tratta di una patologia neurodegenerativa frequente dopo i 60 anni. Colpisce il sistema nervoso centrale e porta alla morte di tutte le cellule che rilasciano la dopamina, una sostanza utile al controllo dei movimenti. I sintomi tipici della morbo di Parkinson sono tremore, rigidità, lentezza dei movimenti.

Salute dopo i 60 anni,  il morbo di Alzheimer.

Il morbo di Alzheimer è la più diffusa forma di demenza tra gli over 60. Questa malattia colpisce la memoria e le funzioni cognitive, rendendo difficile azioni semplici come parlare e  pensare. Ma può causare anche altri problemi, fra cui stato confusionale, cambiamenti di umore e disorientamento spazio-temporale. Si stima che circa un terzo dei casi di morbo di Alzheimer possano essere attribuiti a fattori di rischio modificabili, sui quali è quindi possibile agire cambiando il proprio stile di vita.

Salute dopo i 60 anni, l’importanza della prevenzione.

Per aumentare la probabilità di vivere una vecchiaia tranquilla e in salute, è necessario prestare una particolare attenzione alla prevenzione.

È importante fare attività fisica (basta una semplice camminata di 30 minuti al giorno).  Bisogna seguire una dieta sana ed equilibrata, diminuendo il consumo di sale e di zucchero e mangiando più frutta, verdura e cereali integrali. Occorre smettere di fumare e limitare il consumo di alcolici.

Per prevenire l’invecchiamento mentale e le malattie neurodegenerative, fondamentale è mantenere sempre la mente allenata (ad esempio leggendo un libro o coltivando l’orto) e coltivare le relazioni sociali.

 

Elisabetta

 

(Credits immagine: .huffingtonpost.com/rebecca-perkins/instantly-boost-self-esteem_b_6814518.html