Prevenire l’Incontinenza Urinaria. Ecco Come!

Come fare per prevenire l’incontinenza urinaria. Ecco le strategie giuste!

L’incontinenza urinaria ormai ha tutte le caratteristiche di una vera e propria malattia: solo in Italia interessa più di due milioni di persone! Si tratta di una patologia che ha le sue radici in una grave dimenticanza, perché non basta il checkup ginecologico annuale, serve aver cura del proprio apparato riproduttivo, giorno dopo giorno.

Il risultato di questa grave dimenticanza, è sotto gli occhi di tutti:

“L’incontinenza urinaria non è piccolo disturbo della terza età ma una vera e propria malattia che interessa oltre 2 milioni di donne in Italia. Numeri importanti e in crescita che sottolineano la necessità di definire percorsi d’assistenza condivisi e uniformi”

Questo l’allarme lanciato dagli urologi italiani durante il convegno dell’Associazione Italiana di Urologia Ginecologica (AIUG), da Marzio Angelo Zullo, membro del direttivo nazionale AIUG.

I diversi tipi di incontinenza urinaria


I due principali sono:

–   Incontinenza da sforzo, che colpisce soprattutto le donne in stato di gravidanza, le neo-mamme e le donne in età avanzata.

–   Incontinenza da urgenza, che invece riguarda soprattutto le donne in menopausa.

Ma quali sono le cause dell’incontinenza urinaria ?

Tra le principali cause di questo disturbo possiamo trovare la stitichezza, l’obesità, la gravidanza, il parto, la menopausa. Ma anche cisti e infezioni alle vie urinarie che si presentano con frequenza, patologie neurologiche e le neoplasie vescicali. Anche alcuni tipi di farmaci e malattie neurologiche (quelle che ostacolano la veicolazione delle informazioni da cervello a vescica) possono essere causa di incontinenza urinaria.

Quali sono le abitudini per prevenirla e alleviarla?

Lo stile di vita sano tiene alla larga tanti disturbi e tante malattie. Un’alimentazione equilibrata, con pochi grassi e ricca di fibre, con dosi quotidiane di frutta e verdura fresche, è anche un buono modo per tenere sotto controllo il peso corporeo. E poi alla larga dai vizi, come il fumo. Ecco i primi sempre validi consigli. Ma nello specifico per il pavimento pelvico cosa possiamo fare?

Il giusto allenamento per il pavimento pelvico

Per la salute del cervello, per le abilità cognitive e per tenere in allenamento la memoria vengono spesso suggerite le parole crociate, per evitare i problemi dell’età, come cervicale, articolazioni, postura etc invece si è soliti consigliare esercizi fisici specifici. Che fare per la salute intima? Come prima cosa dobbiamo imparare a sentire il nostro corpo nella sua interezza e dobbiamo imparare a coccolare anche il pavimento pelvico. Ma quante sono le donne educate a prendersene cura, così come si impara a farlo con la pelle del viso, dei capelli, del corpo?

È importante coccolarsi anche lì…

Il pavimento pelvico è una vera e propria amaca, fatta di muscoli, che sorreggono e sostengono tutto l’apparato riproduttivo. Provate ad immaginarveli come degli addominali nascosti, ecco allora che anche questi andrebbero allenati, almeno 3 volte al giorno.
Ci sono dei pratici e discreti esercizi, chiamati Esercizi di Kegel, che si possono fare anche da sedute. Per chi ha più dimestichezza con il proprio corpo, può provare anche “le uova di giada” o i “coni vaginali”, ottimi strumenti per tenere allenati i muscoli “rosa”.

Fonte notizia: 

 – Quotidiano Sanità

Per approfondimenti:
 – Società Italiana Urologia

–– > Per un approfondimento del tema rimandiamo alla lettura del libro Triangoli dimenticati – Dove abita il perineo, di Loredana La Torre (Edizioni Ponte Sisto, 2014)

Katia