La Menopausa Vista da Vicino, e Senza Paura

Nonostante i tuoi 50 anni ancora hai dei dubbi sul “Grande cambiamento“? Ecco un post che riassume le cose importanti da sapere!

Eleganti e sexy le 50enni sono le figure chiave di questo paese. (…) Le cinquantenni sono le figure più cazzute, determinate che esistono nella nostra società. Sono un esercito invisibile. Grandi responsabilità, nessuna libertà, sono il motore di questo Paese.
(Tratto da Perfetta, uno degli atti comici dal libro di Mattia Torre “In mezzo al mare“)

Alle volte gli uomini dimostrano di conoscere meglio di noi…

…quella parte così determinata, squisitamente femminile, che per prime diamo per scontato. E sì, perché, nonostante il ruolo indiscusso di “motore del Paese”, spesso ci dimentichiamo di noi stesse. E ci ritroviamo con il ciclo che salta senza trovare il tempo per fare una riflessione: il nostro corpo sta cambiando? C’è qualcosa che dobbiamo sapere – e fare – per andare incontro al meglio a questo cambiamento?

Fine della fertilità…

…e inizio di tutto il resto, ci verrebbe da dire! 😉

Di un po’ più di libertà, ad esempio. La gabbia, la schiavitù dell’assorbente, volge al termine, il timore di una gravidanza indesiderata, tra pochissimo ci farà sorridere. Ma non è solo questo. Cos’è e quanto dura la perimenopausa? E la menopausa vera e propria? Ce lo spiega la professoressa Rossella Nappi, ginecologa all’Università Studi di Pavia Policlinico San Matteo:

«La menopausa dura tra i 7 e i 10 anni e in molte sono convinte che sia il giorno dell’ultima mestruazioni a segnare l’inizio. Invece tutto parte da tre anni prima della data dell’ultima mestruazione (…). Questa fase è detta perimenopausa e si conclude un anno prima dell’ultima mestruazione».

 

Un piccolo glossario per non fare brutta figura

Riportiamo sempre le preziose spiegazioni fornite dalla prof.ssa Nappi:

  • La premenopausa
    «Si manifestano le prime piccole irregolarità del ciclo circa tre anni prima dell’ultima mestruazione. Le mestruazioni anticipano o ritardano perché non produciamo più le solite quantità di progesterone e di estrogeni».
  • La perimenopausa
    «Parte dall’anno precedente all’ultima mestruazione fino all’anno successivo. Generalmente è l’età in cui si hanno più sintomi, come le vampate di calore, diurne e notturne, il calo della libido, la secchezza vaginale, i dolori osseo-articolari. È questo il periodo in cui di solito la donna ricorre al medico, ha ancora il ciclo ma la menopausa è alle porte».
  • E poi arriva la post-menopausa
    «Inizia quando sono trascorsi 12 mesi dall’ultima mestruazione e dura circa 10 anni, dopo inizia la senilità, quando il corpo ha perso la sua capacità di rispondere agli stimoli ormonali, di solito più o meno dopo i 65 anni».

 

Ascoltiamo il nostro corpo

Andando incontro a questo “grande cambiamento” a cosa dobbiamo far caso? Cosa merita di essere appuntato? Ecco i segnali da tenere sott’occhio e da riportare alla propria ginecologa in occasione del controllo periodico, con cadenza annuale.

  • Irregolarità del ciclo mestruale, ciclo corto o troppo lungo o che salta
  • Vampate di calore e sudorazione eccessiva. È un evento naturale, dovuto al calo di estrogeni, in particolare di progesterone che ha una funzione di termoregolazione
  • Insonnia, il ciclo sonno-veglia si altera. Anche in questo caso a causa del calo di estrogeni e progesterone che regolando il ritmo del sonno
  • Sbalzi di umore
  • Dolori al corpo. Gli estrogeni hanno effetto dappertutto, stimolano la produzione di collagene della pelle. Si finisce per essere più doloranti anche perché con meno estrogeni la soglia di tolleranza al dolore diminuisce
    6. Problemi alle articolazioni. La carenza di estrogeni, che regolano la produzione di liquido sinoviale, manca il lubrificante
  • Episodi di vuoti di memoria. Gli estrogeni lavorano sui neuroni potenziando le funzioni cognitive e il pensiero. Una loro carenza si riflette negativamente sulle facoltà mnemoniche
  • Si mette peso nel girovita, si acquisisce una forma a mela, dovuta a ritenzione idrica generata dal calo di progesterone ed estrogeni

 

Credits foto 

 

Katia