Non dimenticare di prendere i farmaci è fondamentale perché una terapia abbia successo. Al via una nuova campagna che spinge i nipoti ad aiutare i nonni a curarsi in maniera corretta.

Gli over 65 dimenticano spesso di assumere le medicine prescritte. In particolare, si registra una bassa aderenza alla terapia con gli antidepressivi (44%), le statine per il controllo del colesterolo (41%) e medicinali contro l’ipertensione (37%). Dimenticare di prendere i farmaci con regolarità, però, può essere molto pericoloso per la salute, soprattutto in questa fascia di età.

Ma ad aiutare i nonni a curarsi in maniera corretta possono essere i nipoti. È questo il principio su cui si basa la campagna “Io aderisco, tu che fai?”

La campagna è promossa dal Comitato Italiano per l’Aderenza alla Terapia (CIAT). Quest’anno è stato scelto un testimonial d’eccezione: Claudio Lippi. Nei filmati realizzati si vede come la nipotina ricorda al presentatore televisivo di prendere regolarmente le medicine.

Sarà lanciato un concorso per gli studenti delle scuole medie ed elementari, che dovranno realizzare  degli elaborati su questo tema dedicati ai nonni. Verrà poi distribuito nelle scuole materiale informativo che si aggiunge a quello già distribuito negli ambulatori medici nelle e farmacie.

La campagna prevede, infine, delle attività dedicate anche agli addetti ai lavori tra cui una piattaforma on line per la formazione dei medici.

Perché è importante non dimenticare di prendere i farmaci?

Perché una terapia sia efficace, il paziente deve attenersi alle raccomandazioni del medico riguardo ai tempi, alle dosi e alla frequenza. Non seguire queste indicazioni, determina gravi conseguenze che a volte possono essere fatali. Oppure causa nuove ospedalizzazioni o la prescrizione di ulteriori cure per malattie che potrebbero invece essere controllate e gestite.

Ciò che è allarmante è la mancata aderenza alle terapie riguarda anche tre patologie molto serie come il cancro, l’artrite reumatoide e l’ipertensione.

I pazienti colpiti da tumore tendono a dimenticare di prendere i farmaci.

Si calcola che fino al 30% delle terapie orali non vengono portate a termine e ben il 50% dei trattamenti non viene assunto così come indicato.

Ben il 40% dei malati con artrite reumatoide non assume regolarmente le cure.

C’è ancora troppa sottovalutazione della reale gravità di questa malattia per la quale esistono trattamenti innovativi che consentono di controllarla e garantiscono, al tempo stesso, una buona qualità di vita. Per essere efficaci, però, devono essere assunti regolarmente.  

Anche chi soffre di ipertensione, spesso, non segue in maniera corretta la terapia.

L’ipertensione è una patologia per la quale sono disponibili cure efficaci e di provata sicurezza. Tuttavia, spesso il disturbo peggiora perché le terapie non vengono assunte in maniera corretta.  

Salute Domani

Fonte:

Katia