L’esposizione alla luce solare stimola la produzione di vitamina D, un ormone con molteplici proprietà salutari, per vari organi e tessuti (per non parlare degli effetti benefici sull’umore!). Ma come prendere correttamente il sole?  

Intanto imparando a conoscere meglio i raggi solari!

Le radiazioni del sole sono di diversa lunghezza d’onda. Quelli che determinano degli effetti quando interagiscono con la pelle sono i raggi UV, A, B e IR.

Vediamoli da vicino!

  • Raggi UVA

Si tratta del 95% del totale di UV. Sono presenti durante tutto l’arco della giornata, anche quando non splende il sole. Non solo non vengono filtrati dall’atmosfera, ma passano anche attraverso le nuvole. Sono capaci di danneggiare il DNA e indebolire il sistema immunitario della pelle. Sono loro la causa del processo di invecchiamento cutaneo e dell’insorgenza di tumori della pelle.

  • Raggi UVB

Rappresentano il restante 5% del totale di UV e sono presenti nelle ore centrali della giornata e della stagione estiva. Non passano attraverso i vetri e non superano lo strato superficiale della pelle. Sono loro ad avere effetti biologici positivi, e soprattutto a stimolare la sintesi della vitamina D e della melanina. L’altro aspetto meno piacevole è che sono loro a causare i danni cutanei più immediati ed evidenti, come l’eritema solare e le scottature.

  • Raggi IR

Se sotto al sole cresce quella sensazione di calore è a causa loro. Sono sempre questi raggi poi, a provocare la dilatazione dei capillari, favorendo una maggior afflusso di sangue e un aumento dell’attività delle cellule.

Come prendere il sole correttamente

  • Usare sempre una crema solare adatta al nostro fototipo e spalmarla sul corpo prima di esporsi al sole. Rinnovare frequentemente l’applicazione, soprattutto in caso di sudore e bagni
  • Evitare di esporsi al sole durante le ore centrali (meglio prendersi una pausa, usare l’ombrellone, etc.)
  • Evitare l’esposizione diretta per bambini piccoli e neonati
  • Usare cappelli, indumenti, occhiali per aumentare la protezione ai raggi solari

 

Fonte notizia – Opuscolo a cura di AIRC (Associazione Italiana Ricerca Cancro) sulla prevenzione “Alla luce del sole – Rischi e benefici dell’esposizione ai raggi solari” 

Credits foto

Per un approfondimento

 

Katia